Vai al contenuto

Ecomotori.net utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo. Per avere pi¨ informazioni sui cookie clicca qui    Chiudi

dicembre 2016

L M M G V S D
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31


- - - - -

Valle d'Aosta: scarso interesse per il metano ma il distributore di Charvensod non chiuderÓ


metano2Nella campagna di rottamazione delle vecchie auto inquinanti, lanciata  nel 2007 e conclusasi nel dicembre del 2010, la Regione autonoma Valle  d'Aosta ha investito 12.730.400 euro. Nel quadriennio sono  pervenute 10.071    

e restano da liquidare 274 delle 2.219 pratiche  istruite nel 2010. Negli anni la riconversione a Gpl ha riguardato 621  veicoli e solo 14 riguardano automezzi a metano. Nel 2007 la Regione ha  evaso 1.767 domande concedendo contributi per 2,25 milioni di euro. Nel  2008 le richieste sono state 1.636 per 2,08 milioni, mentre nel 2009 si Ŕ  arrivati a 3.645 domande, per un importo di oltre 3 milioni di euro.

''L'iniziativa - commenta l'assessore regionale alle attivita'  produttive, Ennio Pastoret - ha rappresentato un tassello di una  politica regionale di contrasto alla crisi economica, ma e' anche una  misura nella direzione della tutela ambientale''. L'assegnazione di  bonus da 1.300 euro ha riguardato la sostituzione di auto Euro 0, 1 e 2  con veicoli Euro 4 o Euro 5. Per i mezzi con il filtro antiparticolato  il contributo saliva a 1.500 euro. La stessa cifra e' stata erogata per  l'acquisto di autovetture alimentate a gas metano, a Gpl, a idrogeno o  elettriche.

Metano che, come ha sottolineato l'assessore  Pastoret, ''non ha riscosso il favore dei valdostani'', tanto che  l'amministrazione regionale ha dovuto scongiurare la chiusura della  pompa della societa' di autotrasporti Svap alle Porte di Aosta. ''Per il  limitato numero di clienti - precisa l'assessore - l'azienda ridurra' l'orario di apertura e aumentera' il prezzo del gas per coprire parte dei costi di gestione, ma i cittadini potranno continuare a fare rifornimento di carburante''.

Per l'assessore Pastoret ''la Regione ha sostenuto fino al 90% la spesa  per l'acquisto di autobus a metano in servizio nella Piana di Aosta e  per questo la Regione aveva chiesto l'accesso al distributore anche al  pubblico''. Per i 13 automezzi 'verdi' BredaMenaribus la Regione aveva  concesso un contributo di tre milioni di euro. Pastoret ha poi aggiunto:  ''Con questi piccoli numeri - ha puntualizzato Pastoret - le aziende  petrolifere non sono interessate ad aprire pompe a metano''.



0 Comments