Vai al contenuto

Ecomotori.net utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo. Per avere pi¨ informazioni sui cookie clicca qui    Chiudi

dicembre 2017

L M M G V S D
1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31


- - - - -

Valle d'Aosta: due mezzi a metano per "Cityporto"


metano2E' al vaglio del ministero dell'Ambiente il progetto di realizzazione di un 'cityporto' messo a punto dal Comune di Aosta per decongestionare la circolazione, razionalizzando il sistema di distribuzione delle merci all'interno del suo centro storico.

L'obiettivo Ŕ migliorare la qualitÓ dell'aria, dando al capoluogo una maggiore vivibilitÓ.  Il cityporto - sistema inventato a Padova e giÓ mutuato da altre cittÓ italiane - si strutturerÓ in un centro di smistamento, situato in localitÓ Autoporto, alle porte della cittÓ, da cui si muoveranno due mezzi a metano, a basso inquinamento, per la distribuzione delle merci alle attivitÓ commerciali.

Il progetto, che vede la partecipazione, oltre che del Comune di Aosta, anche della Regione (Assessorato territorio e ambiente), della Camera di commercio locale, della societÓ Autoporto SpA e della Itinera Engineering, costerÓ 557 mila 940 euro.

Il Comune di Aosta contribuirÓ alla spesa con quasi 298 mila euro. Il resto verrÓ coperto - in caso di responso positivo - in gran parte dal ministero dell'Ambiente, con oltre 198 mila euro. Altri 75 mila euro arriveranno da cofinanziamenti pubblici e privati (in particolare, 30 mila dalla Regione - assessorato al territorio e ambiente - e 5 mila dalla Camera di commercio).  Gli interventi per la realizzazione del servizio potrebbero giÓ iniziare ad aprile, con l'apertura del cityporto prevista per il novembre 2011. A

Padova la creazione di quello che viene definito 'Centro commerciale naturale' ha determinato nei 15 mesi di sperimentazione una riduzione degli inquinanti pari a 38 tonnellate di anidride carbonica, 200 chili di monossido di carbonio e di 41 chili di polveri sottili.

Fonte: Regione Valle d'Aosta




0 Comments