Vai al contenuto

Ecomotori.net utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo. Per avere più informazioni sui cookie clicca qui    Chiudi

dicembre 2016

L M M G V S D
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31


- - - - -

Pescara: in arrivo un distributore e 57 autobus a metano


autobus_metanoE’ stato siglato qualche giorno il contratto per la realizzazione di un impianto per la distribuzione di gas metano finalizzato al rifornimento di autobus adibiti al trasporto pubblico di persone. A firmare l’appalto sono state la Gtm spa, la società a capitale pubblico che si occupa di trasporto a Pescara, l’Arpa spa, in qualità di committenti



, e la committente:  l’associazione temporanea di imprese CPL Soc. Coop. – Safe srl, rispettivamente di Modena e Bologna.

L’impianto verrà realizzato a Pescara presso la sede della Gtm. L’importo contrattuale di € 1.480.000 sarà finanziato prevalentemente con fondi propri delle committenti e, per la parte residuale, con fondi messi a disposizione dalla Regione Abruzzo.

Il programma sarà completato con l’acquisto di 57 autobus alimentati a metano, di cui 29 di proprietà della Gtm e 28 di Arpa, per un importo complessivo di  € 23.800.000 comprensivo di “full service” per 10 anni.

La Gtm, inoltre, acquisterà –fa sapere il presidente Michele Russo-  ulteriori 6 autobus a metano che, in aggiunta ai 29 detti consentirà la sostituzione nell’area urbana di Pescara di circa il 40% della flotta alimentata a gasolio e circolante giornalmente.

«Si tratta di un importante cambiamento strategico nella politica delle due aziende regionali», dice Russo, «che consentirà, da una parte la realizzazione di rilevanti economie - derivanti dalla sensibile riduzione dei costi di approvvigionamento dei carburanti - che verranno destinate al miglioramento del servizio del trasporto pubblico locale a favore degli utenti; dall’altra il significativo abbattimento delle emissioni inquinanti con particolare riferimento al particolato atmosferico, meglio noto come PM10, oltre alla sensibile riduzione sia della produzione di monossido di carbonio che di ossido di azoto, nonchè di idrocarburi incombusti».




0 Comments