Vai al contenuto

Ecomotori.net utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo. Per avere pił informazioni sui cookie clicca qui    Chiudi

dicembre 2016

L M M G V S D
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31


- - - - -

Osservatorio Metanauto: +41,8% i veicoli commerciali a metano nei primi 6 mesi del 2009


federmetanoNei primi sei mesi del 2009 le consegne di veicoli commerciali a metano sono cresciute del 41,8% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Questa crescita, si legge in una nota, e' avvenuta in un periodo

in cui il mercato dei veicoli commerciali ha sperimentato una forte crisi.
Nel primo semestre 2009, infatti, secondo i dati Anfia in Italia le consegne di veicoli commerciali sono calate del 29,4%. Gli acquisti di veicoli commerciali a metano sono stati favoriti dai consistenti incentivi statali disponibili, pari a 6.500 euro (4.000 euro per l'acquisto di un veicolo nuovo e 2.500 per la rottamazione di uno vecchio di categoria Euro 0,1 o 2 immatricolato entro il 31 dicembre 2009). A rendere noti questi dati l'Osservatorio Metanauto, struttura di ricerca sul metano per autotrazione di Federmetano.
La sostenuta crescita delle consegne di veicoli commerciali alimentati a metano rappresenta uno stimolo per le case automobilistiche a sviluppare l'offerta di questi veicoli sul mercato italiano. Grazie ad un maggior utilizzo di veicoli alimentati a metano l'immissione di sostanze nocive puo' essere drasticamente tagliata.
Federmetano in alcune zone d'Italia sta organizzando, in collaborazione con Fiat, presso gli spazi dei distributori associati, un'esposizione dei modelli della gamma commerciale. Acquistare un veicolo alimentato a metano, segue la nota, vuol dire dare un impulso al settore del metano per autotrazione, in cui l'Italia eccelle a livello mondiale, e che, secondo una ricerca di Nomisma Energia, con le adeguate pratiche di sostegno puo' triplicare sia il suo valore economico (da 1.500 a 4.000 milioni di euro) sia il numero degli addetti occupati (da 8.000 a 25.000) entro il 2014.



0 Comments