Vai al contenuto

Ecomotori.net utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo. Per avere pił informazioni sui cookie clicca qui    Chiudi

dicembre 2016

L M M G V S D
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31


* * * * *

Metano e Gpl obbligatori in Lombardia: il Governo dice no ma la Regione non ci sta


"Ci sono parecchi elementi che dovrebbero indurre il Governo a ravvedersi. La modifica normativa che abbiamo introdotto garantisce parità di trattamento tra gli operatori e punta innanzitutto a tutelare la salute dei cittadini, a migliorare la qualità dell'aria, e ad alleggerire il peso delle procedure europee di infrazione per il superamento dei limiti di inquinamento atmosferico che grava sulla Lombardia". Lo dice Mauro Parolini, assessore regionale al Commercio, Turismo e Terziario, dopo che il Governo ha impugnato la legge, approvata all'unanimità da Regione Lombardia, lo scorso dicembre, sulle nuove regole per la vendita di carburanti.

In riferimento alle 'misure limitative della concorrenza', che, secondo i rilievi del Governo, la legge regionale introdurrebbe, l'assessore Parolini sottolinea che "l'obbligo di aggiungere i prodotti metano, Gpl ed elettrico non solo è subordinato alla effettiva possibilità tecnica ed economica degli operatori a sostenere gli interventi, ma ha anche un limite temporale". "Infatti - spiega l'assessore - esso cesserà una volta raggiunto il numero di impianti, individuato dalla programmazione regionale, che consenta l'equilibrio nella vendita e distribuzione dei diversi tipi di carburante".

"Questa legge - conclude Parolini - si pone all'interno di un percorso che Regione Lombardia ha intrapreso da anni, per offrire ai consumatori una scelta veramente alternativa di carburanti a basso impatto, che ci colloca al primo posto a livello nazionale in termini di numero di impianti e si muove con largo anticipo rispetto al recepimento delle normative europee, che imporranno a tutti i Paesi membri di ampliare le reti di distribuzione di carburanti alternativi".


6 Comments

Se invece togliessero quell'abonimio della Tessera e del pulsante "uomo morto" e rendessero fruibile e accessibile un vero Self invece?

Casty quoto anche le virgole del tuo intervento!

Noto che anche con la dipartita della giunta Formigoni, nulla è cambiato in regione lombardia, solo obblighi limiti e paletti per far "mangiare gli amici"

Ormai da un po di tempo vivo in Germania, qui i distributori di metano sono molti meno in rapporto alla vastità del territorio,

ma nonostante questo grazie ad un vero self service 24h non si sente la necessità di averne di più

In Italia abbiamo i distributori di metano con la pausa pranzo...

P.S. in Germania il concetto di rifornimento "assistito" proprio non esiste! Si fa tutto da soli, e poi si va in cassa a pagare...

e l'unico distributore autostradale nel tratto milano torino non eroga metano da 2 anni...

Pensassero a far funzionare quello che c'è, invece che complicare sempre la vita alla popolazione, perché il loro compito sarebbe quello di risolvere i problemi, non di crearli!!!

Scusate lo sfogo, ma certe cose non le sopporto più!

Però diamo a Cesare quel che è di Cesare.

Uomo morto, tessere ecc sono roba del governo centrale. La Lombardia non centra nulla.

Anzi ha cercato di far qualcosa, ed il governo centrale gliel'ha bocciata...

Foto
fabiobologna
feb 23 2015 01:47
Logico, un governo legato alle caste del petrolio non può che bloccare certe cose...

Se poi penso che per la sicurezza non posso fare metano self ma posso prendere un pistola erogatrice di benzina, svuotare 10€ di carburante a terra ed accendere per fare una strage... mi fa proprio capire che in questo Stato non potremmo mai concludere nulla di buono...
io penso che oggi ci sono troppi distributori e poche auto alimentate a metano. Il venduto si è distribuito e i distributori oggi fanno fatica a rimanere a galla come altre attività.
Poi non parliamo dei prezzi........è un casino: distributori che vendono metano quasi al costo d'acquisto. Ma dove arriveremo di questo passo?
 
Manca il lavoro, la gente giustamente non spende e le auto (a metano) non si vendono.
Un distributore di metano ha delle spese di gestione fuori dalla norma. Basta pensare che in tutta italia ci sono solo 2 officine che fanno questo tipo di manutenzione... con prezzi folli.


Tornando sul prezzo del metano come carburante. Quanti di voi sanno che paghiamo 1 cen/euro al kg. per FONDO BOMBOLE? Il fondo bombole e una ladrata legalizzata. Ripeto....E UNA COSA VERGOGNOSA. Ma quanti soldi incassano in 12 mesi? Questo serve per una assicurazione per eventuale danno alle bombole? Io non la vorrei più pagare.......deve essere facoltativa. Questi soldi vanno a chi sa chi....bbho.Quanto vi costa il collaudo per la vostra bombola? un salasso. Questo e anche un problema che nessuno vuole risolvere........mi rivolgo a quelle associazioni di categoria che non servono a una mazza. Questo e un caso?
Foto
fabiobologna
mar 06 2015 09:42

Sul troppi ci può stare.

Ne basterebbero 1000 dislocati bene (vedi Germania).