Vai al contenuto

Ecomotori.net utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo. Per avere più informazioni sui cookie clicca qui    Chiudi

dicembre 2016

L M M G V S D
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31


- - - - -

Industria italiana metano un settore da 8 mila addetti


distributore_metanoGrande partecipazione presso la Sala Conferenze di Palazzo Marini di Montecitorio per l'incontro organizzato dall'Associazione italiana dell'industria italiana del gas per i trasporti (NGV System Italia) in cui si è discusso il ruolo economico e sociale della filiera industriale del trasporto a metano.

Una filiera che impiega oltre 8 mila addetti e che ha un fatturato oltre i 1,4 miliardi di euro e che rappresenta quindi una risorsa per il Paese, soprattutto in un momento di crisi acuta come quella che stiamo attraversando.                                

Nel corso dell'incontro Nomisma Energia ha presentato i risultati di uno studio che ha messo in evidenza il potenziale ambientale positivo, intermini di emissioni di CO2 ed inquinanti, dovuto ad un ipotetico aumento del parco circolante a metano in sostituzione di quello obsoleto, associato ad un raddoppio delle rete di distribuzione. Nomisma Energia ha poi sottolineato anche i benefici in termini di sviluppo economico del settore che deriverebbe da questa ipotesi di scenario.

Sono intervenute le principali aziende del settore con attività produttive e commerciali in Italia e leader nel mondo quali Fiat Group Automobiles, ENI, Fiat Powertrain Technologies, IVECO, Landi Renzo, Gas Natural Vendita Italia S. p. A. che hanno espresso il riconoscimento delle politiche delle Governo per incentivare il rinnovo del parco circolante con auto a metano chiedendo però all'unisono l'esigenza di rendere più agevole l'iter amministrativo oggi necessario per l'apertura di un distributore stradale, di favorire la diffusione di veicoli a metano nelle flotte della Pubblica amministrazione e delle aziende di trasporto Pubblico, di incentivare un programma ambizioso per la diffusione della rete dove oggi questa è assente o carente, in particolar modo sulle autostrade.



0 Comments