Vai al contenuto

Ecomotori.net utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo. Per avere pił informazioni sui cookie clicca qui    Chiudi

dicembre 2016

L M M G V S D
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31


- - - - -

Idrogeno in Svizzera


Nella piccola Svizzera si stanno sviluppando diverse iniziative in direzione dell’economia dell’idrogeno; imprese, centri di ricerca e municipalizzate stanno unendo le rispettive competenze per realizzare i componenti fondamentali per la produzione di idrogeno da energie rinnovabili, da usare per l’elettricità nelle case e, in seguito, le auto.

Il Groupe E, distributore dell’elettricità del Cantone Neuchâtel ha realizzato un elettrolizzatore di ultima generazione per produrre idrogeno, che ha suscitato l’entusiasmo di Nicolas Hayek, celebre presidente di Swatch Group. Hayek, infatti, da sempre interessato alla realizzazione di auto verdi, è anche l’ideatore della Smart che, nei suoi piani, doveva essere un’auto ibrida o ad idrogeno.


Nell’autunno 2007 è stata dunque creata la Belenos Clean Power con la partecipazione di Swatch Group, Deutche Bank, i Politecnici Federali ed alcuni investitori privati tra cui George Clooney. E’ così nata una holding dedita alla realizzazione di pannelli solari per sistemi ad idrogeno. Le pile a combustibile (o fuel cell) saranno realizzate dal Paul Scherrer Insitute, attivo da decenni nel campo dell’idrogeno, mentre Groupe E fornirà l’elettrolizzatore e l’assistenza sul campo.

Il sistema iniziale prevede circa 50 pannelli solari (circa 5 kW) da istallare sul tetto di una villa per alimentare un elettrolizzatore grande come una lavatrice, l’idrogeno prodotto serve da stoccaggio di energia; questo sistema dovrebbe soddisfare dal 50 al 70% dei bisogni elettrici totali. In seguito, quando la tecnologia sarà matura, l’idrogeno prodotto dovrebbe poter venire impiegato come carburante in veicoli a fuel cell: un sogno, ma a zero emissioni!

  

Fonte: http://www.ecoblog.it




0 Comments