Vai al contenuto

Ecomotori.net utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo. Per avere pił informazioni sui cookie clicca qui    Chiudi

dicembre 2016

L M M G V S D
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31


- - - - -

Futuro 'cheap' per le auto a idrogeno


Auto IdrogenoE' stato, infatti, appena scoperto un modo migliore   per convertire in idrogeno i biocarburanti: un catalizzatore di   nuova generazione permetterebbe di ricavarlo dall'etanolo con un   processo meno costoso. Le auto, inoltre, potrebbero fare il   pieno direttamente alla stazione di servizio, evitando ulteriori   spese per il trasporto.

Umit Ozkan, chimico e ingegnere biomolecolare dell'   universita' dell'Ohio e il suo staff hanno assicurato che ''il   nuovo catalizzatore e' conveniente rispetto agli altri, perche'   non contiene metalli preziosi come rodio o platino''.  Ozkan, che ha appena presentato la sua ricerca al convegno della   Societa' americana di chimica, ha precisato che ''il rodio usato   per i catalizzatori costa in media novemila dollari l'oncia (28   grammi circa), mentre per il nostro si spenderebbero solo nove   dollari al chilogrammmo''.

Il catalizzatore dell'Ohio potrebbe essere utile per far   funzionare le macchine a idrogeno in un futuro prossimo. I   vantaggi pratici della scoperta sono tanti: prima di tutto,   l'idrogeno verrebbe prodotto in appositi reattori localizzati   presso i distributori di benzina. Non sarebbe necessario,   quindi, trasportarlo da una centrale di produzione alle varie   stazioni periferiche, come e' previsto per tutti gli altri   catalizzatori.

Il processo studiato da Ozkan sfrutta come   materia prima l'etanolo liquido, che viene convertito, grazie a   una serie di reazioni chimiche attivate dal reattore, in un gas   ricco di idrogeno. Per evitare la formazione di carbonio sulla   superficie del catalizzatore, infine, e' stato utilizzato ossido   di cerio (un ingrediente comune nelle ceramiche) e calcio, che   attivano il movimento degli ioni di ossigeno all'interno del   catalizzatore.

Fonte: http://www.ansa.it



0 Comments