Vai al contenuto

Ecomotori.net utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo. Per avere più informazioni sui cookie clicca qui    Chiudi

dicembre 2016

L M M G V S D
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31


- - - - -

Volvo testa l’autobus ibrido: in produzione nel 2010


volvo-hybrid-bus-7700Al recente IAA di Hannover, Volvo ha presentato il rivoluzionario bus 7700 ibrido che in questi giorni viene testato in Svezia, a Goteborg in collaborazione con l'azienda di trasporti locale Sparvagar.

Le soluzioni ibride per i veicoli pesanti non sono una vera e propria novità, ma fino ad oggi hanno assicurato una riduzione delle emissioni minima, tanto da non giustificare gli elevati costi di produzione. La nuova tecnologia ibrida proposta da Volvo, però, promette di cambiare le cose: il Gruppo svedese ha sviluppato una piattaforma comune per bus, camion e mezzi per l'edilizia, in modo tale da abbattere i costi.

Il bus ibrido è estremamente silenzioso, sia in marcia, che alle fermate; due i motori utilizzati, un diesel, di cubatura  minore rispetto a quelli comunemente utilizzati ed uno elettrico.  Una soluzione, questa, che ricorda il sistema utilizzato da Mercedes per la nuova gamma di bus Citaro ibridi. Il mezzo può essere alimentato da entrambi i motori, contemporaneamente, o solo da quello ibrido.

Ulteriori accorgimenti per la riduzione dei consumi e la ricarica delle batterie previsti sono un sistema di recupero energia in frenata (immagazzinata in una batteria montata sul tetto) e lo spegnimento del motore diesel quando le porte sono aperte alle fermate. Quando il bus riparte utilizza il solo motore elettrico fino alla velocità di 15-20 km/h, dopodiché si aziona automaticamente anche l'unità diesel.

Grazie all'ibrido, Volvo assicura che le emissioni di CO2 diminuiscono del 30%, mentre il particolato arriva a scendere fino al 50% rispetto ad un classico motore diesel.

"Riusciamo a ridurre il fabbisogno di energia per singolo passeggero del 50-75% rispetto ad una persona che utilizza l'auto ", spiega Edward Jobson, responsabile ambientale di Volvo Bus."Con questi importanti vantaggi per l'ambiente e il grande risparmio di carburante, siamo convinti che l'autobus ibrido diventerà estremamente interessante e difficile da battere per la mobilità alternativa entro pochi anni".

Volvo prevede di avviare la produzione in serie di autobus ibridi all'inizio del 2010, mentre più in là provvederà alla realizzazione dei primi sei autobus a due piani ibridi per la città di Londra.

Fonte: http://www.motori.it




0 Comments