Vai al contenuto

Ecomotori.net utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo. Per avere pił informazioni sui cookie clicca qui    Chiudi

dicembre 2016

L M M G V S D
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31


* * * * *

Porsche 919 hybrid, la Cavallina ibrida che correrą la Le Mans


Si chiama Porsche 919 hybrid la vettura del ritorno di Porsche nella categoria regina delle serie endurance, la LMP1, ovvero quella che compete per la vittoria assoluta alla 24 Ore di Le Mans come nel resto delle gare che compongono il Mondiale Endurance FIA. Che, come impone un regolamento tecnico che vuole solo vetture ibride nella classe più importante, dal prossimo anno diventerà il banco di prova assoluto di questa tecnologia dando ulteriore spinta alla ricerca e alla popolarità della fascia di mercato delle ibride stradali che ad oggi è in continua espansione.

Il lancio della Porsche 919 hybrid coincide infatti con un momento di grande consenso dei progettisti intorno all'accoppiata motore termico + motore elettrico, che in futuro non sarà relegata a soluzione tecnica di auto cittadine compatte e spesso bruttine ma sarà anche il cuore pulsante di una nuova generazione di hypercar con prestazioni vertiginose, come dimostrano le recenti LaFerrari, McLaren P1 e, rimanendo in casa Porsche, la 918 Spyder che vanta ben 887 CV e un'accelerazione 0-100 km/h in soli 2,6 secondi.

Alla Porsche 919 hybrid è affidato il compito di ribadire la supremazia alla 24 Ore di Le Mans di Porsche, il costruttore più titolato nella corsa più famosa con 16 vittorie assolute, di cui l'ultima nel 1998. Le sue caratteristiche tecniche rimangono perlopiù ancora sconosciute: al momento si sa solamente che il prototipo Porsche è motorizzato con un quattro cilindri turbo benzina a iniezione diretta, mentre il motore elettrico lavora sull'asse anteriore. Stando a quel poco che è stato anticipato da Weissach, sulla 919 hybrid saranno presenti due sistemi di recupero dell'energia: il primo è certamente il recupero dell'energia in frenata attraverso il motore elettrico anteriore, mentre l'altro potrebbe essere un sistema simile all'ERS che converte il calore del turbocompressore in energia elettrica, una soluzione che verrà adottata dal prossimo anno anche in Formula 1 nei nuovi 1.6 turbo.


0 Comments