Vai al contenuto

Ecomotori.net utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo. Per avere più informazioni sui cookie clicca qui    Chiudi

dicembre 2016

L M M G V S D
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31


- - - - -

Infiniti M Hybrid: previsto il debutto nel 2010


infiniti-m-hybridNissan sta ultimando lo sviluppo del sistema ibrido che il prossimo anno debutterà sotto la carrozzeria della nuova Infiniti M. I primi mercati dove debutterà la Infiniti M Hybrid saranno gli Stati Uniti e il Giappone.

I futuri modelli Nissan e Infiniti a propulsione ibrida saranno votati al lusso e alla sportività. A differenza degli altri ibridi in commercio, il sistema di Nissan sarà basato su innovative batterie agli ioni di litio, capaci di fornire più potenza ed una ricarica più veloce. Due sono le frizioni che compongono la trasmissione che collega direttamente il motore elettrico al propulsore termico.

In fase di guida, l’unità elettrica agisce autonomamente solo alle basse velocità. La combinazione con il motore a benzina si ha, invece, alle alte velocità. Infine, il motore termico agisce indipendentemente quando si viaggia a velocità di crociera. Inoltre, la propulsione ibrida che debutterà sulla nuova Infiniti M Hybrid non necessiterà dei convenzionali convertitori di coppia.

Il sistema ibrido di Nissan è stato presentato recentemente in anteprima al Salone di Ginevra, celato sotto le filanti linee della Infiniti Essence concept car, dotata di un motore ad iniezione diretta di benzina che, accoppiato a due turbocompressori, è in grado di sviluppare una potenza massima di 592 CV.

La nuova generazione della Infiniti M porterà al debutto anche i nuovi propulsori benzina ad iniezione diretta, capaci di aumentare ulteriormente le prestazioni, riducendo al tempo stesso i consumi di carburante. Successivamente, questa tecnologia verrà estesa su tutti i modelli Nissan e Infiniti.

Fonte: http://www.autoblog.it




0 Comments