Vai al contenuto

Ecomotori.net utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo. Per avere più informazioni sui cookie clicca qui    Chiudi

dicembre 2016

L M M G V S D
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31


- - - - -

Audi sceglie la tecnologia agli ioni di litio per la Q5


AudiPer completare il puzzle della mobilità sostenibile sì deve sì puntare su veicoli meno inquinanti, ma anche su infrastrutture che ottimizzino il flusso dei veicoli. Audi è attiva su entrambi i fronti: nonostante sia tramontato il progetto di un Q7 ibrido basato su una batteria al nichel-metallo, la casa tedesca ha così optato verso la tecnologia gli ioni di litio, per essere tra i primi quando sarà sul mercato.

La motivazione data da Michael Dick responsabile R&D di Audi AG in un’intervista al magazine britannico AutoCar, è stata la scarsa soddisfazione delle performance del veicolo a basse temperature e la limitata autonomia della batteria. Dick ha poi svelato le intenzioni di fare il Q5 il primo vero modello ibrido, e di equipaggiarlo con una batteria agli ioni di litio.

Audi negli scorsi due anni ha sviluppato il progetto Travolution, i cui test sono appena terminati a Ingolstadt. Grazie a 1,2 milioni di euro investiti nel progetto si è potuto delineare un’ottimizzazione del flusso grazie a delle reti di comunicazione tra semafori e i veicoli, riducendo i tempi di stop, le frenate, i passaggi a marce più basse.

Nello specifico i test hanno coinvolto 46 semafori dotati di moduli di trasmissione dati, un’Audi A5 e una Audi A6 Avant con computer di bordo. I semafori hanno comunicato alle vetture quando scatterà il prossimo verde e il conducente è stato informato dal sistema Audi MMI della velocità da raggiungere per sfruttare "l’onda verde”. Visto il successo dei test, il sistema Travolution verrà esteso ad altre 20 auto e 50 semafori e verrà aggiunto un servizio di informazione live sulle condizioni del traffico.
 



0 Comments