Vai al contenuto

Ecomotori.net utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo. Per avere più informazioni sui cookie clicca qui    Chiudi

dicembre 2016

L M M G V S D
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31


- - - - -

Umbria: "Tavolo Carburanti" per migliorare la rete dei distributori


distributore_gplIl distributore di carburante non si limiterà più al suo compito  primario di erogare benzina, gasolio, gpl e metano, ma dovrà sempre più  assumere le caratteristiche di una struttura polifunzionale

, con un  occhio particolare all'accoglienza dei clienti, ai quali offrire una  serie diversificata di servizi, dalla ristorazione alla vendita di  quotidiani e periodici, ed "info point" di carattere turistico, dai  quali promuovere un'offerta turistica differenziata e mirata alle  esigenze dei visitatori.

È quanto è stato sottolineato nel corso  della riunione del "Tavolo Carburanti", che si è svolta a Palazzo  Donini, convocata (dando seguito all'impegno assunto a Spoleto nel  novembre scorso a conclusione di un convegno  sui carburanti) e  presieduta dall'assessore regionale al Commercio Fabrizio Bracco, alla  quale hanno preso parte i rappresentanti delle categorie interessate: le  associazioni petrolifere (Unione Petrolifera Italiana, Federmetano,  Assogasmetano e Silca), le associazioni di categoria dei gestori (Con  commercio e Fenica Club), le associazioni dei consumatori  (Acu-Associazione Consumatori ed Utenti, Federcvonsumatori, Movimento  Difesa del Cittadino e Movimento Consumatori.

La convocazione del tavolo  (sollecitata di recente anche dalla Consulta Umbra dei Consumatori) era  stata messa in agenda anche in vista della prossima riunione del tavolo  permanente di confronto sul mercato petrolifero istituito a livello  nazionale, e in considerazione dell'urgente necessità di esaminare il  problema dell'innalzamento delle accise sui carburanti deciso dal  governo, e delle relative conseguenze sull'aumento dei prezzi di benzina  e gasolio. Un problema questo - ha tenuto a precisare l'assessore  Bracco - di esclusiva competenza e responsabilità dello Stato, sul quale  le Regioni possono tutt'al più esercitare un'azione di stimolo a  livello politico.

"Al termine del tavolo - ha detto Bracco all'uscita dalla riunione  - le varie componenti si sono trovate d'accordo sull'esigenza di  migliorare la rete distributiva e la natura dei servizi, ponendo  l'accento sull'informazione al consumatore, con un'attenzione  particolare rivolta al miglioramento complessivo dell'accoglienza , così  da fare dei distributori di carburante dei veri e propri 'intermediari'  della promozione turistica, anche in armonia - ha aggiunto - con l'art.  28 della manovra di luglio che, al fine d'incrementare la  concorrenzialità, l'efficienza del mercato e la qualità dei servizi, ha  introdotto una serie di importanti modifiche alla disciplina del  settore. Si è trattato - ha detto l'assessore a proposito del "tavolo" -  di un incontro importante, di un primo approccio verso la riscrittura  del Testo Unico sul Commercio, che avverrà entro il 2012".




0 Comments