Vai al contenuto

Ecomotori.net utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo. Per avere più informazioni sui cookie clicca qui    Chiudi

dicembre 2016

L M M G V S D
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31


- - - - -

Trentino: La Valle dei Laghi senza un impianto GPL


distributore_gplStiamo parlando dell'inquinamento da gas di scarico, che è uno degli aspetti deleteri della motorizzazione, anche se  sicuramente non l'unico. Ma è certamente uno dei pochi che ogni tanto induce le autorità a prendere qualche limitatissimo provvedimento per ridurre l’ inquinamento.

I gas di scarico delle automobili, prodotti dalla combustione di carburanti derivati del petrolio, contengono anidride carbonica e idrocarburi, sostanze altamente nocive per l'equilibrio chimico dell'atmosfera e la salute degli esseri viventi. Esistono anche i contributi per la sostituzione o la trasformazione di veicoli inquinanti. Nonostante questo, i livelli di inquinamento atmosferico aumentano.

Dal punto di vista ambientale, gli impianti a GPL presentano  emissioni di ossidi di azoto inferiori del 9% rispetto alla benzina e del 99% rispetto al diesel. Per quanto riguarda il PM (particolato) le emissioni si riducono rispettivamente del 50% e del 98%. GPL significa Gas di Petrolio Liquefatti, come dice la sigla stessa e si ottiene principalmente dal processo di raffinazione del petrolio; ma si può ottenere anche direttamente per estrazione dal gas naturale.

Purtroppo la rete distributiva per il GPL è assolutamente carente, in Valle dei Laghi, non esiste un distributore provvisto di GPL e per rifornirsi ci si deve recare a Trento o Riva del Garda. Nella Regione Trentino Alto Adige, a dire il vero si continua ad incentivare con forti agevolazioni il GPL e poi non si riesce a rifornirci neppure in autostrada. Tanto per dare un'idea, sono partito dal casello di San Michele all’Adige, sono arrivato al Brennero e ritornato, senza trovare un distributore fornito di GPL.

In attesa delle auto elettriche e ad idrogeno che per ora sono "ferme ai box" più per motivazioni economiche e politiche che per difficoltà tecnologiche, il GPL e metano oggi rappresentano l'alternativa possibile e praticabile per ridurre l'inquinamento ambientale. Certo, se oltre ai contributi incentivanti i vari responsabili  ai quali stanno  a cuore le tematiche ambientali forse dovrebbero prodigarsi anche per una migliore rete distributiva che non sarebbe male, forse è il caso di prendere esempio dalla vicina Valsugana dove quasi tutti i distributori sono provvisti anche di GPL. Insomma, un altro di quei piccoli passi dei quali ogni automobilista aspetta da qualche tempo...




0 Comments