Vai al contenuto

Ecomotori.net utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo. Per avere più informazioni sui cookie clicca qui    Chiudi

dicembre 2016

L M M G V S D
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31


- - - - -

Yanmar inaugura a Firenze un centro di ricerca e sviluppo per le auto ibride ed elettriche


autoelettrica4Yanmar – azienda con sede ad Osaka che produce e commercializza motori  diesel, macchinari industriali e agricoli in oltre 130 paesi nel mondo,  con un fatturato annuo di circa 4,3 miliardi di euro    

e cinquant’anni di  ricerca alle spalle – ha inaugurato a Firenze un centro di ricerca e  sviluppo, costituito grazie all’iniziativa della Regione Toscana che ha  operato attraverso Toscana Promozione.

Un’azione condotta in stretta  collaborazione con l’Istituto nazionale per il Commercio Estero, con il  loro Ufficio di Tokyo, e con Invitalia, l’agenzia del governo per  l’attrazione degli investimenti. L’attività di accompagnamento e i  servizi di assistenza forniti alla società giapponese, unitamente ai  vantaggi strategici offerti dall’Italia e in particolare dalla Toscana,  hanno consentito di vincere la concorrenza di altri dodici paesi,  portando la Yanmar a scegliere la Toscana come sede del loro centro di  ricerca europeo. Invitalia in particolare, in qualità di referente  governativo per gli investitori esteri, ha messo a disposizione  dell’azienda giapponese i propri servizi gratuiti di supporto logistico e  assistenza normativa, con l’obiettivo di facilitare l’insediamento.

Il centro alla fine ha trovato casa in viale Galileo, una via che dal  centro di Firenze sale verso Piazzale Michelangelo.  L’inaugurazione si  è svolta nel pomeriggio. Prima l’iniziativa è stata però presentata nel  corso di una conferenza stampa a Palazzo Strozzi Sacrati, sede della  presidenza della Regione. All’una e all’altra sono intervenuti il  presidente della Toscana Enrico Rossi, l’ambasciatore giapponese a Roma  Masaharu Kohno, il direttore generale di Yanmar Hiroshi Kanda  accompagnato da una folta delegazione del proprio management, il  presidente di Invitalia Giancarlo Innocenzi con il responsabile  Investimenti Esteri Giuseppe Arcucci, il direttore dell’ufficio Ice di  Firenze Andreina Guerrieri e il direttore di Toscana Promozione Stefano  Giovannelli.

Quello istituito a Firenze è il primo centro di ricerca e sviluppo in  Europa dell’azienda nipponica e nasce con l’obiettivo di dedicarsi, tra  l’altro, alla ricerca sulle energie rinnovabili. Yanmar R&D Europe,  questo il nome della struttura, si aggiunge ad altri insediamenti  produttivi già presenti in Italia e in Europa.

Il nuovo centro, per il quale la società investirà da subito 1,3  milioni di euro, rappresenta un valore aggiunto per il sistema della  ricerca locale costituito da organizzazioni, università e imprese con il  quale agirà in sinergia e dal quale potrà selezionare i migliori  ricercatori da assumere: al momento sono già sei gli esperti che già  lavorano nel centro, tutti ingegneri, e la previsione è di reclutarne  altri due ogni anno.

Tra i progetti che il centro ha in programma per i primi due anni c’è  anche lo sviluppo e test di nuove macchine elettriche e ibride, lo  sviluppo di un sistema di reti di energie rinnovabili e lo studio di un  design nuovo e più innovativo per i macchinari utilizzati nel settore  dell’agricoltura e delle costruzioni.

L’insediamento di Yanmar a Firenze è stato possibile grazie  all’intervento della Regione Toscana,  di Toscana Promozione, della  Provincia di Pisa, dell’Ice e di Invitalia che hanno aiutato l’azienda  nei rapporti con la pubblica amministrazione e nella ricerca di una  sede, affiancandola costantemente sotto il profilo normativo,  burocratico e logistico. Per sette mesi ci sono stati incontri e visite  alle diverse realtà toscane del settore: dalle facoltà di ingegneria  delle Università di Pisa e Firenze  al Sant’Anna e alla Scuola Superiore  Normale di Pisa, ai diversi poli scientifici e tecnologici e al CNR  fino alle varie imprese del settore operanti nel settore meccanico e le  diverse istituzioni territoriali.




0 Comments