Vai al contenuto

Ecomotori.net utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo. Per avere più informazioni sui cookie clicca qui    Chiudi

dicembre 2016

L M M G V S D
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31


- - - - -

Volvo C30 Electric: test invernali fino a 20 gradi sotto zero


Volvo_C30_electricLa Volvo C30 Electric è stata  sottoposta a condizioni invernali durissime per assicurare che l'auto  elettrica funzioni alla perfezione anche a temperature di -20°C. I  requisiti imposti da Volvo Cars per la C30 Electric

 



sono tanto severi  quanto quelli che devono essere soddisfatti da tutti gli altri modelli  Volvo; per questo l'auto elettrica è sottoposta allo stesso regime di  prova. In più, per i veicoli elettrici sono stati sviluppati diversi  nuovi metodi di test. Complessivamente, sono stai effettuate oltre 200  prove differenti.

"Dobbiamo assicurare che la C30  Electric si comporti come previsto durante la guida, il parcheggio e la  ricarica in una serie di condizioni diverse - dalle temperature normali  fino al caldo o al freddo estremo. La Svezia settentrionale è il luogo  ideale per le prove sotto zero," afferma Lennart Stegland, direttore  della divisione Veicoli Speciali di Volvo Cars.

La Volvo C30 Electric è dotata di tre sistemi di climatizzazione:

  • Uno riscalda o raffresca l'abitacolo.
  • Uno raffredda o riscalda il pacco batteria, secondo necessità.
  • Il motore elettrico e l'elettronica di potenza vengono raffreddati ad acqua.

Riscaldatore alimentato a bio-etanolo

La  C30 Electric è dotata di una soluzione innovativa che consente di  ottenere una temperatura confortevole nel rigido clima invernale senza  compromettere l'autonomia della batteria.

Il controllo  della temperatura nell'abitacolo avviene tramite un riscaldatore  alimentato a bio-etanolo, di serie su tutte le auto. Il serbatoio  dell'etanolo dell'auto è in grado di contenere 14,5 litri di  bio-etanolo.

È anche possibile utilizzare l'unità di  climatizzazione sfruttando l'elettricità delle batterie. In modalità  elettrica, un riscaldatore a immersione riscalda il refrigerante  nell'unità di climatizzazione.

"Il conducente può  programmare e regolare l'unità di climatizzazione in base alla tipologia  di viaggio. Quella a etanolo è la modalità predefinita che viene  utilizzata quando la capacità della batteria è necessaria per estendere  al massimo la mobilità. Tuttavia, su distanze più brevi, l'elettricità  può essere utilizzata per alimentare il sistema di climatizzazione,"  spiega Lennart Stegland.




0 Comments