Vai al contenuto

Ecomotori.net utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo. Per avere più informazioni sui cookie clicca qui    Chiudi

dicembre 2016

L M M G V S D
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31


- - - - -

Uno spot geniale per la nuova pubblicità della gamma Renault ZE


La_vita_elettrica_2Renault, primo costruttore automobilistico a proporre una gamma di quattro veicoli elettrici, sta lanciando in questi giorni una campagna pubblicitaria molto innovativa che coniuga humour e pedagogia.        

Vera e propria rivoluzione nell’industria automobilistica, la gamma Renault Z.E., accessibile nel prezzo e rispondente a diverse esigenze, incarna il progetto di marca di Renault: permettere al maggior numero di persone di poter accedere alla mobilità elettrica, più rispettosa dell’ambiente.

La rivoluzione ha inizio questo autunno, con Fluence Z.E., la prima berlina familiare elettrica a partire da 27.200 euro, e Kangoo Z.E., prima furgonetta elettrica a partire da 20.000 euro. Seguirà, alla fine dell’anno, Twizy, il nuovo concept ultra compatto elettrico per la mobilità urbana. Twizy, accessibile a partire da 6.990 euro, facilita i tragitti in città in tutta sicurezza. A metà del 2012, ZOE completerà la gamma Renault Z.E.

Il film mostra in modo impattante, divertente e poetico, la semplicità d’uso dell’elettrico.  Realizzato da Dougal Wilson, il film propone una successione di scene sorprendenti, che mostrano che l’elettrico fa già parte della nostra vita, prima di concludere : « Sei già passato all’elettrico per tante cose, perchè non farlo anche per viaggiare? »

Riguardo a questa campagna, Stephen Norman, Direttore Marketing e Comunicazione Mondo ha dichiarato: « Renault intende accompagnare i consumatori in questo cambiamento.

Così, piuttosto che presentare l’elettrico dalla prospettiva scontata dell’ambiente, Renault ha scelto di rappresentarlo dalla prospettiva della vita quotidiana, per renderlo più concreto, più gradevole ed accessibile».




0 Comments