Vai al contenuto

Ecomotori.net utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo. Per avere più informazioni sui cookie clicca qui    Chiudi

dicembre 2016

L M M G V S D
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31


- - - - -

Tesla: la supercar elettrica arriva in concessionaria


Tesla RoadsterTesla Roadster, la supercar elettrica delle meraviglie, arriva dal concessionario: è in vendita dal 21 agosto in contemporanea negli Stati Uniti e in Europa. Presentata al salone automobilistico di Londra, costa 99mila euro (più Iva) in Europa. Ci vogliono invece solamente 109mila dollari in America.

PRODOTTA OLTREMANICA - La Tesla è un gioiellino tecnologico assemblato in Gran Bretagna, presso lo stabilimento della Lotus di Norfolk. Non è un caso quindi - fa notare il quotidiano londinese Evening Standard, che l'ha guidata per le strade della capitale - che la Tesla assomigli molto a una Lotus. Le similitudini, però, si fermano alla carrozzeria. Sotto il cofano della Tesla trovano posto 6.800 batterie che tutte insieme sprigionano una potenza di 185 cavalli; spingono la vettura fino ai 200 chilometri orari; raggiungono i 100 all'ora in 3,9 secondi e danno alla vettura 365 km di autonomia. Bastano poi quattro ore di ricarica per fare il «pieno» di elettiricità e tornare in strada.

{gallery}ecoveicoli/Tesla_Motors/Tesla_Roadster:100:50:0{/gallery}

SUPERCAR - «Questa è una vera macchina sportiva ed è pensata per chi si preoccupa per l'ambiente, non solo delle prestazioni», ha detto allo Standard, Darryl Siry della Tesla. Un modello di un livello tale da conquistare - a quanto pare - vip del calibro di George Clooney, Matt Damon, Brad Pitt e Arnold Schwarzenegger, già in lista d'attesa. Sono 1.100 i modelli pronti per il mercato americano mentre 250 sono quelli riservati all'Europa.

SILENZIOSA - Al contrario delle supercar tradizionali, la Tesla è assolutamente silenziosa: «Un rischio per i pedoni - nota il quotidiano inglese - che non la sentono arrivare». Per fortuna, conclude lo Standard, «i freni sono ottimi».

Fonte: http://motori.corriere.it




0 Comments