Vai al contenuto

Ecomotori.net utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo. Per avere più informazioni sui cookie clicca qui    Chiudi

dicembre 2016

L M M G V S D
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31


- - - - -

Renault: sperimentazione con 100 auto elettriche a Parigi


kangoo-be-bopProsegue la marcia di avvicinamento della Renault, legata in un’alleanza con la giapponese Nissan, verso la produzione di serie e la conseguente commercializzazione di massa di veicoli elettrici prevista dalla casa francese per il 2012.  

L’Alleanza Renault-Nissan ha, infatti annunciato una sperimentazione su vasta scala di veicoli elettrici nella regione parigina, grazie ad un accordo con la “EDF”, il gruppo integrato energetico francese maggior produttore europeo di elettricità.

A partire da settembre 2010 e per la durata di un anno, cento veicoli elettrici dell’Alleanza Renault-Nissan (berline e veicoli commerciali leggeri) saranno testati da clienti privati, professionali e dipendenti di aziende territoriali. Essi disporranno di un’infrastruttura di ricarica a domicilio, nei locali delle aziende, nei parcheggi e sul suolo pubblico. Ciò è reso possibile grazie ad una partnership tecnica e finanziaria tra tutti i soggetti pubblici e privati coinvolti.

I veicoli saranno soprattutto del modello “Be Bop”, versione elettrica della Renault “Kangoo”, presentato in anteprima pochi mesi fa.

Attraverso questa esperienza pilota, l’alleanza Renault-Nissan intende testare con “EDF”, su scala naturale, il funzionamento e l’utilizzo dei suoi futuri veicoli elettrici. I veicoli proposti saranno identici a quelli di serie, che saranno lanciati sul mercato a partire dall’inizio del 2011.

Il progetto di Renault-Nissan e EDF, sostenuto dalla Regione parigina e dal Dipartimento di Yvelines, è costruito sulla base di una collaborazione con l’Etablissement Public d’Aménagement du Mantoi Seine Aval (EPAMSA) e coinvolgerà diversi partner privati.

Fonte: Asca




0 Comments