Vai al contenuto

Ecomotori.net utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo. Per avere pił informazioni sui cookie clicca qui    Chiudi

dicembre 2016

L M M G V S D
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31


* * * * *

Londra, bus elettrici per abbattere l'inquinamento


Dal 2020 tutti i 3.000 bus a due piani di Londra, i famosi Routemaster, diventeranno ibridi, mentre quelli più moderni a un piano saranno elettrici o a idrogeno. Lo ha annunciato il primo cittadino Boris Johnson con il varo delle nuove linee cittadine totalmente elettriche 507 e 521 che collegano la stazione di Waterloo alla Victoria Station e al London Bridge, che saranno coperte da 51 bus elettrici.

Si tratta della seconda e terza linea di trasporto pubblico di Londra a contare su mezzi 100% elettrici, che saranno costruiti dalla spagnola Irizar, già fornitrice per la capitale britannica di sette bus a emissioni zero, che si andranno ad affiancare ai due già in servizio nella capitale del Regno Uniti realizzati dalla cinese BYD. Il risparmio in termini di emissioni, secondo i calcoli della municipalità, ammonta a 408 tonnellate di CO2 e 10 tonnellate di NOx all'anno rispetto a normali bus con motore diesel.

La flotta di Londra è composta già da 1.300 bus ibridi, mentre 1.400 tra quelli più anziani sono stati convertiti fino a ridurne le emissioni dell'88%. Il numero dei bus ibridi in servizio a Londra è destinato a salire a 1.700 nel 2016, ovvero circa il 20% dei veicoli in forza al servizio di trasporto pubblico londinese. Tra questi ci saranno 800 nuovi Routemaster, ovvero una riedizione in chiave moderna dei tradizionali double-decker rossi.


0 Comments