Vai al contenuto

Ecomotori.net utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo. Per avere pi¨ informazioni sui cookie clicca qui    Chiudi

novembre 2017

L M M G V S D
1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30


- - - - -

Il 72% degli americani vuole un'auto elettrica


Volvo C30 RechargeLa J.D. Power and Associates non ha dubbi: il 72% degli americani sarebbe disposto a valutare la possibilitÓ di acquistare, come prossimo veicolo, un'auto elettrica o ibrida. La ricerca si Ŕ svolta in due fasi: in un primo tempo si chiedeva al consumatore di esprimere la propria preferenza tra l'acquisto di una ibrida-elettrica e una sua omologa con motore tradizionale; solo in un secondo tempo si rivelava la differenza di prezzo, nell'orbita dei 5.000 dollari.


Risultato? Se nel 2005 alla prima domanda 58 consumatori su 100 rispondevano a favore delle ibride, solo 3 anni dopo la cifra Ŕ salita di quasi 15 punti percentuali. Una volta rivelata la differenza di prezzo, inoltre, quasi la metÓ dei consumatori ha confermato la propria scelta verde.

"I consumatori oggi sono pi¨ consapevoli non solo del costo del carburante, ma anche della necessitÓ di adottare comportamenti pi¨ eco-compatibili" - ha detto Mike Marshall, direttore della divisione 'tecnologie emergenti' alla J.D. Power and Associates. Eppure, secondo Marshall, il tipo di prodotto che realmente i guidatori vorrebbero acquistare non Ŕ ancora diffuso. Non a caso pochi giorni fa il candidato presidente repubblicano, John McCain, ha proposto un 'premio' di 300 milioni di dollari per lo sviluppo delle tecnologie plug-in.                                    

E in Europa? Da noi il mercato ibrido o elettrico Ŕ indietro, ma si stanno compiendo notevoli passi avanti, soprattutto nel settore delle auto di 'lusso': chi infatti pu˛ permettersi di comprare una vettura costosa potrebbe non avere troppe resistenze nel pagare un p˛ di pi¨ per avere un motore pi¨ ecologico e nel lungo conveniente.

Fonte: http://www.repubblica.it

    



0 Comments