Vai al contenuto

Ecomotori.net utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo. Per avere più informazioni sui cookie clicca qui    Chiudi

dicembre 2016

L M M G V S D
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31


- - - - -

Il 72% degli americani vuole un'auto elettrica


Volvo C30 RechargeLa J.D. Power and Associates non ha dubbi: il 72% degli americani sarebbe disposto a valutare la possibilità di acquistare, come prossimo veicolo, un'auto elettrica o ibrida. La ricerca si è svolta in due fasi: in un primo tempo si chiedeva al consumatore di esprimere la propria preferenza tra l'acquisto di una ibrida-elettrica e una sua omologa con motore tradizionale; solo in un secondo tempo si rivelava la differenza di prezzo, nell'orbita dei 5.000 dollari.


Risultato? Se nel 2005 alla prima domanda 58 consumatori su 100 rispondevano a favore delle ibride, solo 3 anni dopo la cifra è salita di quasi 15 punti percentuali. Una volta rivelata la differenza di prezzo, inoltre, quasi la metà dei consumatori ha confermato la propria scelta verde.

"I consumatori oggi sono più consapevoli non solo del costo del carburante, ma anche della necessità di adottare comportamenti più eco-compatibili" - ha detto Mike Marshall, direttore della divisione 'tecnologie emergenti' alla J.D. Power and Associates. Eppure, secondo Marshall, il tipo di prodotto che realmente i guidatori vorrebbero acquistare non è ancora diffuso. Non a caso pochi giorni fa il candidato presidente repubblicano, John McCain, ha proposto un 'premio' di 300 milioni di dollari per lo sviluppo delle tecnologie plug-in.                                    

E in Europa? Da noi il mercato ibrido o elettrico è indietro, ma si stanno compiendo notevoli passi avanti, soprattutto nel settore delle auto di 'lusso': chi infatti può permettersi di comprare una vettura costosa potrebbe non avere troppe resistenze nel pagare un pò di più per avere un motore più ecologico e nel lungo conveniente.

Fonte: http://www.repubblica.it

    



0 Comments