Vai al contenuto

Ecomotori.net utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo. Per avere più informazioni sui cookie clicca qui    Chiudi

dicembre 2016

L M M G V S D
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31


- - - - -

Gelpi (ACI): servono gli incentivi per sbloccare il mercato dell'auto elettrica


enrico_gelpiGelpi: “Da una parte le politiche  industriali e istituzionali incerte, dall’altra gli automobilisti in  attesa che il prezzo cali. Fino a quando le Case non riusciranno ad  abbassare i listini, le istituzioni intervengano con incentivi

e  facilitazioni”

“Il mercato dell’auto elettrica si trova in  impasse: da una parte ci sono le politiche industriali e istituzionali  incerte, dall’altra gli automobilisti in attesa che il prezzo diventi  abbordabile e le infrastrutture di ricarica si diffondano sul  territorio”. Lo ha dichiarato il presidente dell’Automobile Club  d’Italia, Enrico Gelpi, intervenendo all’Università Bocconi di Milano  alla presentazione del volume “Sviluppare la mobilità elettrica”, a cura  della Fondazione EnergyLab.

“L’Automobile Club d’Italia sottolinea come gli  automobilisti siano pronti a scegliere l’auto elettrica in ambito urbano  – ha aggiunto Gelpi – anche in questo periodo di incertezze  congiunturali, ma va ridotto l’impatto economico dell’acquisto: fino a  quando le Case non riusciranno ad abbassare i listini, le istituzioni  devono fare la loro parte con piani di incentivi e facilitazioni  economiche”.

Il presidente dell’ACI ha poi richiamato le  componenti pubbliche e private della filiera della mobilità a un impegno  sinergico più ampio. “Guardando al futuro ci stiamo concentrando sul  contenimento delle emissioni inquinanti e sulle tecnologie “verdi”  legate all’auto – ha concluso Gelpi – ma stiamo perdendo di vista  l’altra criticità della mobilità, che attanaglia soprattutto i centri  urbani: il traffico. Se anche tutti i veicoli circolanti in città  fossero a impatto ambientale nullo, l’aria sarebbe un po’ più pulita ma  le strade rimarrebbero comunque congestionate”.




0 Comments