Vai al contenuto

Ecomotori.net utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo. Per avere più informazioni sui cookie clicca qui    Chiudi

dicembre 2016

L M M G V S D
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31


- - - - -

BMW lavora sul motore elettrico: su strada nel 2015


BMWA pochi giorni di distanza dall’annuncio con cui Mercedes ha comunicato l’acquisto del 10% di Tesla, la casa californiana leader nel settore delle auto elettriche, BMW ha dichiarato a sua volta che anche a Monaco ci si prepara per meglio affrontare l’ingresso

nel promettente segmento delle auto a zero emissioni. Nel 2015 il motore elettrico bavarese sarà pronto a debuttare su un modello di piccole dimensioni. E secondo i tedeschi di Handelsblatt sarà un marchio inedito a segnarne il debutto.

Accanto a BMW, Rolls-Royce e Mini, il gruppo tedesco starebbe infatti valutando l’opportunità di introdurre nel brand portfolio di casa un quarto marchio, per meglio comunicare l’importanza del debutto. Tra i nomi che si fanno, il più accreditato al momento (attenzione però, siamo ancora nel campo delle ipotesi) sarebbe quello di Isetta, sempre secondo la testata tedesca.

Il problema che rimane da risolvere è quello della fornitura delle batterie. Se da un lato i rivali di Stoccarda sono freschi di nozze con Tesla e dall’altro il Gruppo Volkswagen vanta un accordo per l’acquisto degli accumulatori al litio con Panasonic (che ha acquisito Sanyo poco prima dello scorso Natale), BMW è l’unica a cui ancora manca un partner. I più informati dicono che a Monaco guardano verso l’Estremo Oriente, ma che al contempo non si intende rinunciare a tenere la produzione in Germania.

Va inoltre ricordato che la casa di Monaco potrebbe riesumare, accanto alla piccola “Project i” di cui abbiamo detto finora, anche il vecchio C1, il bizzarro scooter coperto arrivato sui mercati europei nel 2000, che potrebbe riproporsi sotto forma di due ruote elettrico.

Fonte: http://www.autoblog.it




0 Comments