Vai al contenuto

Ecomotori.net utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo. Per avere pił informazioni sui cookie clicca qui    Chiudi

dicembre 2016

L M M G V S D
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31


- - - - -

Volvo V70 e S80 Flexifuel da 200 CV


VolvoL'offerta Flexifuel di Volvo si estende anche alle V70 ed S80, ammiraglie del Marchio svedese rispettivamente nelle gamme station wagon e berlina, dopo che la motorizzazione a doppia alimentazione benzina/bioetanolo E85 è stata introdotta su C30, S40 e V50.  Le nuove Volvo sono motorizzate con l'unità 5 cilindri a benzina turbo da 200 CV che può essere alimentata solo con benzina, bioetanolo, oppure una miscela dei due carburanti in qualsiasi proporzione e può essere abbinata anche ad una trasmissione automatica.


Nel ciclo combinato la Casa svedese dichiara per le due versioni un consumo nel ciclo combinato di 9.2 l/100 km con cambio manuale e 10.2 l/100 km con cambio automatico, ma con correttezza precisa che a causa del basso valore energetico del bioetanolo i consumi possono aumentare nella misura del 30-40% quando si utilizza questo tipo di carburante.

Volvo precisa anche che con il bioetanolo sarebbe stata in grado di ottenere una maggiore potenza dal propulsore 2.5 turbo Flexifuel, ma 200 CV, tanti quanti l'omologo propulsore a benzina dal quale deriva, "sono il livello di potenza ideale per questo motore. Ciò rende possibile per il proprietario di coprire il tempo di guida medio giornaliero, senza il bisogno di una miscela aria/carburante più ricca del valore ideale, che è 14,7:1", spiega Magnus Jonsson, vicepresidente R&D di Volvo Cars.

In aggiunta alla Svezia, che rappresenta il paese con il più alto consumo di biocarburanti al mondo, le Volvo a bioetanolo sono tuttora vendute nei mercati di Francia, Norvegia, Italia, Finlandia, Germania, Austria, Olanda, Spagna, Gran Bretagna, Irlanda, Belgio e Svizzera e Tailandia, ma presto si aggiungeranno altri paesi dell'area europea.

Fonte: www.omniauto.it 




0 Comments