Vai al contenuto

Ecomotori.net utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo. Per avere più informazioni sui cookie clicca qui    Chiudi

dicembre 2016

L M M G V S D
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31


- - - - -

Presentato il primo autocarro a bioetanolo


autocarro-bioetanolo

Nel corso di un evento tenuto a Oslo presso la sede di ASKO è stata presentata la prima serie di autocarri da distribuzione al mondo con alimentazione a bioetanolo. Questa tecnologia leader di mercato è stata presentata

come frutto dell'approccio cooperativo adottato da Scania, Thermo King Norge, SKAB e ASKO. L'autocarro è alimentato a bioetanolo, un sottoprodotto della produzione di cellulosa in Norvegia.

Il bioetanolo è una fonte di energia rinnovabile al 95% ed è in grado di ridurre del 90% le normali emissioni di CO2 rispetto ad autocarri simili alimentati a gasolio. Questo autocarro da distribuzione monta apparecchiature CO2 neutrali e una silenziosissima unità criogenica Thermo King CryoTech.

Il prototipo dell'autocarro è stato equipaggiato con la prima unità multitemperatura criogenica CryoTech al mondo a 3 zone/corsie con serbatoio 433L, pneumatici N2, vano merci aerodinamico SKAB prodotto con materiali ecologici, pressurizzazione e depressurizzazione pneumatica telecomandata per le tre guarnizioni removibili per sportelli per paratie, illuminazione LED del vano merci e telecamere posteriore e destra per l'angolo morto integrate nel navigatore satellitare Garmin Nüvi 5000.

Allo storico evento hanno partecipato la dirigenza di ASKO, i rappresentanti di Thermo King Norge, altri esponenti del settore e il Ministro norvegese per l'ambiente, Erik Solheim.

Commentando il lancio del nuovo autocarro, il ministro Erik Solheim ha dichiarato: "Oggi ci troviamo di fronte all'eccezionale traguardo raggiunto da ASKO, Thermo King, SKAB e Scania che hanno saputo sviluppare il primo autocarro al bioetanolo per soddisfare i requisiti ambientali di NorgesGruppen, la principale catena di grande distribuzione norvegese.
Il presidente di ASKO, Torbjørn Johannson, ha aggiunto: "Siamo estremamente soddisfatti dei risultati ottenuti da questo recente sviluppo e desideriamo ringraziare Thermo King, SKAB e Scania per aver partecipato a questo progetto.
Gli autocarri montano i sistemi ecologicamente più efficienti, capaci di garantire la soluzione più efficace sul mercato. Gli autocarri montano le unità criogeniche CryoTech di Thermo King, leader del mercato, che garantiscono rumorosità ed emissioni inferiori del 90% e un raffreddamento più veloce del 60% a -22/-26°C, se necessario, per gelati e prodotti surgelati.
Attualmente ci sono state consegnate 80 unità (autocarri MT, rimorchi e rimorchi a timone) equipaggiate con questi sistemi ecologici e tutti i nuovi autocarri e rimorchi monteranno d'ora in poi queste nuove apparecchiature". La tecnologia CO2 di Thermo King non è la sola soluzione criogenica disponibile, ma è altamente innovativa poiché propone un sistema che fornisce un flusso d'aria nel vano di carico, essenziale per gli alimenti freschi, e scarica i residui criogenici al di fuori del vano stesso.
A differenza di altri sistemi che iniettano il liquido refrigerante direttamente nell'area di carico, le unità Green CryoTech Thermo King non lasciano penetrare il CO2 nell'area di carico. Ciò assicura un significativo vantaggio sanitario e di sicurezza.
Poiché ha sempre a cuore i requisiti degli utenti finali, Thermo King ha utilizzato meno parti in movimento nel sistema criogenico rispetto ai sistemi convenzionali; in tal modo, l'unità gode di una maggiore affidabilità e di una durata più estesa e offre una più facile manutenzione. Inoltre non vi sono lubrificanti da smaltire, a garanzia di un minore impatto ambientale.
Thermo King ha inoltre sviluppato accoppiamenti rapidi di connessione per rabboccare le unità Green CryoTech con CO2. Questa innovazione del prodotto è stata testata contro i rischi e comprende un sistema di sganciamento di sicurezza per ridurre al minimo le perdite. Un altro importante vantaggio consiste nel fatto che il biossido di carbonio liquido dei sistemi criogenici assicura una consistente capacità di raffreddamento istantanea.



0 Comments