Vai al contenuto

Ecomotori.net utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo. Per avere pił informazioni sui cookie clicca qui    Chiudi

dicembre 2016

L M M G V S D
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31


- - - - -

Le termiti possono aiutare la produzione di bioetanolo


Le termiti potrebbero aprire una nuova speranza nella produzione di energia alternativa. Il bioetanolo è già noto e impiegato da tempo come fonte alternativa al petrolio per il combustibile e la sua produzione oggi potrebbe diventare più vantaggioso grazie alle termiti. Nell’apparato digerente di questi insetti alcuni ricercatori del California Istitute of Technology  hanno infatti individuato un migliaio di enzimi in grado di degradare la cellulosa del legno.


Il bioetanolo dallo zucchero
Oggi il bioetanolo viene prodotto attraverso la fermentazione degli zuccheri di substrati vegetali, come mais, canna da zucchero, frumento e barbabietola, ma il suo costo è decisamente elevato a causa delle enormi quantità di materie prime necessarie, con relative conseguenze ambientali non esattamente vantaggiose.

Il bioetanolo dalla cellulosa
La cellulosa, uno dei principali componenti delle pareti vegetali e quindi disponibile in natura in forma pressoché illimitata, rappresenta invece un’interessante fonte alternativa per la produzione del biocombustibile. In questo caso, però, il procedimento è assai più complicato, poiché la fase di fermentazione zuccherina deve essere preceduta dalla scomposizione della molecola di cellulosa nelle singole molecole di glucosio che la compongono, attraverso un processo che richiede l’intervento di enzimi specializzati. Ed è proprio grazie alla loro microflora batterica intestinale che le termiti sono in grado di digerire in modo efficiente questo polisaccaride.

Il ruolo delle termiti
Da qui l’interesse verso questi insetti xilofagi (che cioè si cibano di legno) da parte di un team di ricerca statunitense che, oltre agli scienziati del Caltech, vede coinvolti anche esperti del Department of Energy Joint Genome Institute di Walnut Creek e di Verenium, un’azienda del Massachusetts che produce su larga scala enzimi per biocombustibili.

La ricerca
I ricercatori hanno isolato il Dna dall’apparato digerente di centinaia di esemplari di Nasutitermes corniger (specie tropicale di termite) catturati nelle foreste del Costarica e, attraverso un approccio di metagenomica (ossia il sequenziamento e l’analisi del genoma di intere comunità microbiche prelevate nello stesso ambiente), hanno identificato e analizzato porzioni di materiale genetico di numerosi microrganismi che vivono come simbionti nello stomaco di questi insetti. Con questa tecnica è stato possibile individuare circa mille geni che codificano per enzimi in grado di scindere i carboidrati complessi delle piante, tra cui la cellulosa.

Su questi promettenti enzimi stanno ora lavorando i ricercatori di Verenium per definirne le proprietà funzionali e individuare le combinazioni più efficaci per la produzione di bioetanolo dalla cellulosa.

  

Fonte: http://scienzaesalute.blogosfere.it




0 Comments